Coltivare frutta e verdura genuina con l’agricoltura sinergica. Ri-scopriamola.

Si basa sul principio ampiamente dimostrato dai più aggiornati studi microbiologici che, mentre la terra fa crescere le piante, le piante creano suolo fertile attraverso i propri “essudati radicali”, i residui organici che lasciano la loro attività chimica, insieme a microrganismi, batteri, funghi e lombrichi.


 I prodotti ottenuti con questa pratica hanno una diversa qualità, un diverso sapore, una diversa energia e una maggiore resistenza agli agenti che portano malattie; attraverso questo modo di coltivare viene restituito alla terra, in termini energetici, più di quanto si prende, promuovendo i meccanismi di auto-fertilità del suolo e facendo dell’agricoltura un’attività umana sostenibile

In agricoltura sinergica non vengono usati antiparassitari e fertilizzanti.

La grande cura profusa nel conservare le condizioni ideali di formazione dell’humus nei bancali e le pratiche descritte qui, permettono la crescita di piante sane e decisamente resistenti a parassiti e malattie.

Ogni prodotto, nella nostra azienda, viene coltivato con il metodo sinergico.

Il metodo sinergico si basa su tecniche agronomiche ed accorgimenti che mirano principalmente alla fertilità del suolo. Questo consente una miglior salute dell’intero sistema suolo-microrganismi-piante, esattamente come in agricoltura biologica ma con misure molto più incisive.

La definizione degli spazi è fondamentale per questo tipo di agricoltura: in agricoltura sinergica vengono definiti il percorso di camminamento (passaggi) e la zona di coltivazione (bancale o aiuola). Quest’ultima una volta definita, non dovrà essere più calpestata.

Viene garantita una vasta biodiversità e non viene praticata la monocoltura. L’agricoltura sinergica è un regime di agricoltura biologica. Parte delle piante coltivate è scelta proprio in funzione delle forti radici. In questo modo si evita l’aratura del terreno.

Alla base di questo meccanismo vi è l’accortezza di non sradicare le piante al momento della raccolta. Si lascia che le radici si decompongano naturalmente nel suolo.

Il resto del lavoro viene svolto dalla fauna del sottosuolo come lombrichi e altri insetti scavatori. Presenti in grande quantità grazie al suolo imperturbato, con la loro attività creano tunnel e spazi nei quali le radici si insediano con estrema facilità.

Ci troviamo nel Comune di Cadelbosco Di Sopra. Zona pianeggiante che dispone di un tipo di terreno davvero ottimo per questo tipo di agricoltura, collocato sulla sponda destra del torrente Crostolo e non molto lontano dal fiume Po.

L’azienda ha a disposizione un piccolo punto vendita ma consegna anche a domicilio senza costi aggiuntivi.